mercoledì 26 ottobre 2016

Manifestazione per il Kurdistan a Modena : 1 novembre

Martedì 1 novembre dalle ore 16:00 alle ore 19:00
Largo Garibaldi – Modena
Dopo due anni dalla liberazione di Kobane da parte delle forze di autodifesa del popolo curde, da quando la città assediata da Daesh divenne simbolo della Resistenza e di una nuova prospettiva democratica in Siria, la situazione nell’area è ancora molto complicata e la strada di convivenza tra popoli e di pace nella regione del Rojava è osteggiata in modo violento da governi autoritari come la Turchia o ignorata dalle superpotenze internazionali come stati Uniti e Russia che sull’area mantengono interessi economici e imperialisti.
In questa solitudine internazionale, la prospettiva e l’esempio del Rojava hanno saputo unire popoli differenti per cultura e religione oltre ai curdi, assiri, turkmeni, arabi, armeni. Il confederalismo democratico è il progetto politico in cui l’ecologia, il femminismo e la partecipazione orizzontale ne sono i pilastri.
Nell’ultimo mese la zona del Rojava è stata militarmente invasa dall’esercito turco al di fuori di ogni osservanza del diritto internazionale. Il 24 Agosto, in accordo con i jihadisti e con l’aiuto degli Stati Uniti, i soldati hanno occupato la città di Jarablus, colpendola con bombardamenti che hanno provocato la morte di decine di civili. In questi giorni in un acuirsi dello scontro sono state attaccate anche le postazioni YPG nel cantone di Cizire e di Kobane realizzando la morte di diverse persone. La presenza turca non può far altro che portare ulteriore caos e un aggravamento del conflitto in Siria.
Ma la situazione è complicata e grave in tutte le aree in cui la regione del Kurdistan è suddivisa e in particolare in Bakur, proprio nei confini di ingerenza turca.Dopo il fallito “tentativo di golpe” in Turchia, Erdogan e il suo governo hanno dato il via al terrore che sta eliminando qualsiasi esperienza democratica, con il repulisti di accademici, insegnanti, giornalisti, magistrati, medici, impiegati statali, contrari al regime: 90 mila licenziamenti e rimozioni, 30 mila arresti; chiusura di giornali, stazioni radio-televisive, centri di cultura e sedi di partito.
Continua ad arrestare e torturare i rappresentanti curdi democratici, commissariati 28 comuni curdi, dichiara il coprifuoco su 28 villaggi e città (Tra cui Diyarbakir, Cizre, Nusaybin, Sirnak, Yuksekova, Silvan, Silopi, Hakkari, Lice).Nato, Unione Europea e governo italiano hanno una gravissima responsabilità su queste morti (tra cui numerosi bambini), oltre che in Kurdistan, in Siria e nella destabilizzazione dell’area martoriata dalla guerra. Il governo italiano in particolare ha stanziato una somma di 3 miliardi di euro alla Turchia per la gestione dell’immigrazione senza preoccuparsi del fatto che Erdogan stia compiendo un genocidio, o che sovvenzioni Daesh, inoltre è complice nel vendere armi e bombe all’Arabia Saudita, uno stato fondamentalista che esplicitamente appoggia Daesh.
In questo quadro d’emergenza, di fronte ad una minaccia a cui è sottoposto il mondo intero e che riguarda le politiche interne di ogni paese, compresa L’Italia, chiediamo a tutti coloro che sono stati sino adesso solidali con il popolo curdo (Comuni, Associazioni, Sindacati, Organizzazioni delle Donne, Partiti, movimenti e a tutte le comunità) di mettere in campo insieme tutta la solidarietà e il sostegno di cui siamo capaci e organizzarci in vista della giornata mondiale di mobilitazione del 1 Novembre in sostegno del popolo curdo in Bakur, dell’esperienza sociale e politica del Rojava, per la liberazione di Abdullah Ocalan, per la pace.
Martedì 1 novembre dalle ore 16:00 alle ore 19:00- Largo Garibaldi Modena
Rete Kurdistan Emilia Romagna

giovedì 8 settembre 2016

In piazza per il Kurdistan

Appello per una mobilitazione nazionale a Roma il 24 Settembre a sostegno del popolo curdo e della rivoluzione democratica in Rojava, per la liberazione di Ocalan
Da oltre un anno nelle zone curde della Turchia è in corso una sporca guerra contro la popolazione civile. Dopo il successo elettorale del Partito Democratico dei Popoli (HDP), che ha bloccato il progetto presidenzialista di Erdogan, il governo turco intraprende un nuovo percorso di guerra ponendo termine al processo di pace per una soluzione duratura della irrisolta questione curda. Intere città - Diyarbakir, Cizre, Nusaybin, Sirnak, Yuksekova, Silvan, Silopi, Hakkari, Lice - vengono sottoposte a pesanti coprifuochi e allo stato di emergenza, con migliaia tra morti, feriti, arrestati e deportati.
Dopo il fallito “tentativo di golpe” del 15 luglio, attribuito ai seguaci di Gülen, Erdogan d à il via al terrore che sta eliminando qualsiasi parvenza di democrazia, con il repulisti di accademici, insegnanti, giornalisti, magistrati, militari, medici, amministratori, impiegati statali, invisi al regime: 90.000 tra licenziamenti e rimozioni, 30.000 arresti; chiusura di giornali, stazioni radio-televisive, centri di cultura e sedi di partito.
 Inoltre vi è la forte preoccupazione per le condizioni di sicurezza e di salute del leader del popolo curdo Abdullah Öcalan, di cui non si hanno più notizie certe: dal 5 aprile 2015 Öcalan è segregato in isolamento, gli vengono negati il diritto a comunicare e a incontrare i familiari e gli avvocati in spregio e alle convenzioni e ai diritti internazionali. Abdullah Öcalan, legittimo rappresentante del popolo curdo, è indispensabile alla risoluzione della questione curda nell'ambito della democratizzazione della Turchia e del Medio Oriente, così come tracciato nel disegno del Confederalismo Democratico.
 Il 24 agosto 2016 l’esercito turco ha invaso la città di Jarablus con il pretesto di combattere il terrorismo e lo Stato Islamico (IS) che ha consegnato la città all'esercito turco e alle organizzazioni jihadiste a loro fianco, come Jabhat Fatah al-Sham e a gruppi come Ahrar El-Sham, senza colpo ferire. Gli attacchi dell’esercito turco non sono diretti contro ISIS ma contro le Forze Democratiche Siriane (SDF), esclusivamente ai danni dell'insorgenza liberatrice curda nei territori del Rojava.
 È un dato di fatto che gli Stati Uniti e l’Europa non solo hanno chiuso un occhio su questi attacchi, ma stanno fornendo il sostegno allo Stato turco che con la complicità dell’UE continua a usare i profughi come arma di ricatto. L'invasione turca del nord della Siria aumenta il caos esistente nella regione inferocendo la guerra civile, creando nuovi rifugiati e nuovi disastri umanitari.
TUTTO QUESTO DEVE FINIRE! RIFIUTANDO IL VERGOGNOSO ACCORDO UE-TURCHIA, CHE LEDE I DIRITTI UMANI DEI PROFUGHI E FINANZIA LA GUERRA SPORCA CONTRO IL POPOLO CURDO.
 Il popolo curdo insieme agli altri gruppi etnici, religiosi e culturali ha costituito una Confederazione Democratica nel nord della Siria, il Rojava, dove coesistono pacificamente e nel rispetto reciproco popoli e fedi religiose diverse tra loro: assiri, siriani, armeni, arabi, turcomanni. Questa Confederazione rappresenta una prospettiva ed un valido esempio per una Siria democratica; per questo è necessario sostenere questa esperienza di rivoluzione sociale di cui sono state protagoniste in primo luogo le donne.
Ora questa decisiva esperienza democratica per le sorti di un altro Medio Oriente rischia di essere cancellata dall'invasione turca. E' dunque urgente la mobilitazione internazionale a fianco del Rojava e della resistenza del popolo curdo.
Rispondendo all’appello internazionale sottoscritto da intellettuali, scrittori, artisti, politici e difensori dei diritti umani, invitiamo tutti e tutte coloro che in questi anni hanno sostenuto la lotta di liberazione del popolo curdo e la rivoluzione democratica,
A SCENDERE IN PIAZZA IL 24 SETTEMBRE A ROMA
 * Per fermare l'invasione turca del Rojava; contro la sporca guerra della Turchia al popolo curdo e sulla pelle dei profughi e rifugiati
 * Contro la repressione della società civile, del movimento curdo e di tutte le forze democratiche in Turchia
 * Contro la barbarie dell'Isis per l'universalismo dei valori umani; * Per il Confederalismo Democratico
* Per bloccare il supporto delle potenze internazionali e locali, in particolare USA e UE alla Turchia e mettere fine al vergognoso accordo sui profughi
 * Per la fine dell'isolamento e per la liberazione del leader del popolo curdo Abdullah Öcalan
IN PIAZZA PER IL KURDISTAN
ROMA - PORTA PIA ORE 15.00
SABATO 24 SETTEMBRE

Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia
Rete Kurdistan Italia

Per Adesioni :

venerdì 2 settembre 2016

Urgente chiamata per Kobane

L’esercito turco sta attaccando civili curdi a Kobane.
La popolazione civile di Kobane ha iniziato una protesta pacifica al confine tra la città di Kobane e la Turchia il 24 di Agosto nel momento in cui la Turchia ha iniziato a costruire un muro di cemento al confine e quando ha iniziato l'invasione di Jarablus al nord della Siria.
Oggi alle ore 9:30 locali, quando le persone sono tornate al confine per continuare la loro protesta pacifica, i soldati turchi hanno superato il confine e hanno attaccato la popolazione con lacrimogeni, idranti, e proiettili. Sino ad ora più di 41 civili sono stati feriti e un ragazzo di 19 anni è stato ucciso, colpito alla testa da un proiettile.
Attualmente i soldati turchi e i cecchini si stanno posizionando e stanno prendendo di mira i civili.
Dopo questo attacco migliaia di civili di Kobane si sono ora spostati al confine per condannare gli attacchi. La situazione rimane critica.
Kobane è la città che ha intrapreso una storica resistenza contro la brutale invasione dei terroristi dell'Isis nel 2014. E' stata il faro della resistenza e della vittoria contro i terroristi dell'Isis al nord della Siria.
Per via del continuo successo del popolo curdo con le Forze Democratiche Siriane (SDF), con le Unità di Difesa del Popolo (YPG) e Unità di Difesa Femminili (YPJ) contro l'Isis e altre organizzazionin terroristiche, lo stato turco ha dimostrato in modo crescente tendenze di guerra sino ad arrivare alla invasione del territorio siriano.
Questo ultimo attacco contro il popolo di Kobane è da condannare nel modo più forte dalla comunità internazionale e da tutti quelli che stanno dalla parte della pace e della fine del terrorismo islamico
Richiamiamo tutte le forze democratiche ad opporsi all'invasione dello stato turco e a condannare gli attacchi dell'esercito turco per porsi in solidarietà con i popoli del Rojava e con la popolazione Kobane.
Chiediamo che tutte le istituzioni internazionali taglino le loro relazioni economiche e militari con la Turchia sino a che non sia posta fine all'invasione e agli attacchi contro i popoli del nord della Siria.
Kobane Reconstruction Board- Comitato per la Ricostruzione di Kobane - Europa
02 September, 2016

lunedì 29 agosto 2016

Appello urgente per il Rojava

Noi, intellettuali artisti, scrittori , artisti , politici e difensori dei diritti umani, stiamo cercando di richiamare l'attenzione sull'invasione dello Stato nella Siria settentrionale e nel Rojava.
L'esercito turco ha invaso la città della Siria settentrionale di Jarablus il 24 agosto 2016 , utilizzando le operazioni anti ISIS come un pretesto. L'operazione è in collaborazione con il braccio siriano di El-Qaida (Jabhat Fatah al-Sham) e di  gruppi come Ahrar El-Sham.
ISIS ha consegnato la città, Jarablus, senza che un solo proiettile sia stato sparato. Questa è una chiara indicazione che c'è stato un accordo preventivo tra le parti che Jarablus doveva rimanere una base per i gruppi salafiti. Perciò Jarablus rimarrà un corridoio per i combattenti stranieri per entrare in Siria e ricevere addestramento, e poi per tornare indietro per essere distribuiti in Europa e nel resto del mondo.
Dal terzo giorno dell'operazione (26 agosto 2016) davanti agli attacchi che sono stati diretti alle forze curde, il Consiglio Militare di Jarablus e il Consiglio Militare di Manbij, in Siria settentrionale sono stati ampiamente ripuliti da ISIS da parte di queste forze con il sostegno della coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti. Attaccando queste forze, la Turchia sta interrompendo la lotta contro ISIS e  rafforzando ISIS.
Tayip Erdogan e altre autorità turche hanno annunciato ufficialmente il proposito dell'operazione, in via preliminare, come gli attacchi delle forze curde accanto ISIS. L'esercito turco si è impegnato in attacchi aerei e in bombardamenti di zone civili, uccidendo almeno 45 persone in due villagi a sud di Jaablus. Secondo rapporti locali e filmati ricevuti, le forze dello Stato turco e i lor complici  stanno utilizzando armi chimiche.
La realtà della situazione è che gli Stati Uniti e l'Europa,non solo hanno chiuso un occhio su questi attacchi,  ma alcuni stati hanno persino dichiarato sostegno all'operazione dello Stato turco. Questo approccio rappresenta la politica impropria e disonesta e deve essere abbandonata immediatamente.
Gli attacchi dello Stato turco  favoriscano il caos esistente nella regione, approfondiscono la guerra civile, la creazione di nuovi rifugiati e aprono la strada a nuove tragedie umane. Questo deve finire. Il popolo curdo e le altre etnie hanno stabilito una amministrazione democratica in Rojava, con la coesistenza pacifica con le altre etnie (assiri, siriani, armeni, arabi, turkmeni, ceceni) e credenze (musulmani, cristiani, yazidi, aleviti) al suo cuore.
Questa amministrazione è il primo esempio centrale della Siria democratica queste persone e le forze democratiche vogliono costruire e dovrebbero essere sostenute.
E dovere morale di tutte le persone democratiche e i difensori dei diritti umani di resistere contro questi attacchi. Il nostro invito è:
* Tutte le persone dalla parte della democrazia e dei valori umani devono alzare la voce gli sporchi giochi della Turchia e l'invasione
* Le potenze internazionali, in particolare gli Stati Uniti e l'UE devono ritirare il loro sostegno e schierarsi contro i tentativi dello Stato turco
* Per un mondo stabile e la sconfitta di ISIS, dobbiamo agire contro l'intervento all'estero da parte dello stato turco.
Nome Cognome :
Titolo:
--
UIKI Onlus
Ufficio d’Informazione del Kurdistan in Italia

Via Ricasoli 16, 00185 Roma, Italia
Tel. : +39 06 64 87 11 76
Email : info.uikionlus@gmail.com , info@uikionlus.com
Web : www.uikionlus.com
Facebook : UIKIOnlus
Twitter : @UIKIOnlus
Google + : 102888820591798560472
Skyp : uikionlus

domenica 5 giugno 2016

Raccolta fondi per Kobane : il generatore !

La Mezzaluna Rossa Kurdistan Italia ringrazia la Rete Kurdistan Parma , Piacenza e Reggio Emilia e tutte e tutti le / i compagne/i solidali per le importanti donazioni inviateci a più riprese durante l'anno 2015. Il vostro impegno, tra i più significativi in Italia, ci ha consentito di inviare aiuti urgenti per il Rojava e di procedere all'acquisto di un generatore elettrico a gasolio destinato al funzionamento dell'ospedale di Kobane. Grazie ancora a nome di tutto il popolo curdo e di tutti i popoli del Rojava. Spas!
Mezzaluna Rossa Kurdistan Italia Onlus


giovedì 2 giugno 2016

Nusaybin sotto assedio

Desideriamo attirare l’attenzione della Comunità Internazionale, delle istituzioni e organizzazioni per i diritti umani sulla situazione gravissima nella città assediata di Nusaybin che sotto coprifuoco totale (24 ore) da 77 giorni.
Il 26 maggio dopo pesanti bombardamenti turchi e fuoco continuo che ha preso di mira interi quartieri nella città di Nusaybin, le Unità di Protezione Civili (YPS) curde hanno rilasciato una dichiarazione dicendo che si erano ritirate dalla città dal 25 maggio per impedire ulteriori danni alla popolazione civile. Tuttavia le forze di sicurezza dello Stato da allora hanno continuato a bombardare e sparare in modo ancora più intenso. Il Partito Democratico dei Popoli (HDP), insieme a organizzazioni della società civile si è attivato per impedire la ripetizione del massacro di Cizre, dove le unità speciali della polizia turca e le forze militari hanno bruciato vive circa duecento persone in tre cantine, e per garantire un’uscita in sicurezza dei civili dalla zona assediata.
Fino ad ora 70 persone sono state trasferite dalla zona del conflitto, tra cui molti bambini. Le forze di sicurezza turche hanno sottoposto a fermo tutte queste persone. Abbiamo ricevuto informazioni di prima mano da avvocati, famiglie e dal nostro deputato di Nusaybin che i detenuti sono stati pesantemente torturati, nonostante le scene propagandistiche nei media e sulla stampa filo-governativi dove le forze di sicurezza turche mostrano pietà nei confronti dei detenuti.
Nella ferma convinzione che le persone meritino una scelta migliore di quella tra essere oggetto di violazioni della dignità personale e la tortura da un lato, e l’essere bombardati fino alla morte dall’altro, chiediamo alla Comunità Internazionale di tenere sotto attenta osservazione la situazione a Nusaybin e di usare tutti i mezzi a sua disposizione per fermare le torture alle quali sono sottoposti i detenuti e il fuoco e il bombardamento indiscriminato contro la città. Ci sono ancora molte persone che si trovano intrappolate lì.
Commissione Affari Esteri HDP

fonte : UIKI Onlus

sabato 21 maggio 2016

Kurdistan , dalla nazione all'utopia

Qualcuno comincia ad aprire gli occhi sulla drammatica situazione dei kurdi, nel momento in cui è stata tolta l'immunità ai parlamentari dell'HDP, in vista di esecuzioni ed incarcerazioni. Su RAI 2 è possibile seguire un interessante servizio spciale su Kurdistan turco e Rojava: "Da Nazione a Utopia".

giovedì 24 marzo 2016

Report finale

"Da una parte c’è la guerra, dall’altra una nuova concezione della vita e del mondo comincia", con queste parole con cui abbiamo iniziato i nostri report dal Kurdistan, concludiamo .Siamo tornati portando nel cuore e negli occhi  tante immagini, ricordi, sensazioni contrastanti: da una parte la grande forza e resistenza dei kurdi e delle kurde , il popolo più bello del mondo senza una patria, dall'altra la violenza e la repressione di uno stato che di democratico non ha proprio nulla.
La guerra, perchè di guerra si tratta: nella città vecchia di Amed, Sur, ad ogni 20/30 metri c'è un check-point con sacchi di sabbia,  teli blu di plastica per impedire la vista della  "bonifica" da parte dei militari nelle zone dove più si è consumata la violenza, in modo che nulla di ciò che è successo possa essere usato contro di loro; di sera poi, anche se il coprifuoco è virtualmente terminato a Sur, patrimonio dell'umanità, ci sono solo militari armati di tutto punto, blindati, carrarmati, come nel Cile di Pinochet o nell'Argentina di Videla. Per non parlare di Cizre, dove è impossibile andare per lo stesso motivo: i militari stanno "bonificando". In quale nazione, che si definisce democratica, un deputato, co-presidente di un partito al governo, mi riferisco a Demirtas, accompagnato da 60 osservatori internazionali, provenienti da ogni parte d'Europa, sarebbe costretto a tornare a casa  dai militari della sua stessa nazione? ma di esempi ne potremmo fare tanti altri..
Dall'altra parte un nuovo mondo comincia: il Congresso delle Donne Libere, l'Associazione Rojava, l'HDP,  le Madri della Pace, il DTK , per fare solo qualche esempio ,ci insegnano che si può, anzi si deve vincere resistendo, e loro lo fanno a costo della vita, della prigione, della tortura, della distruzione delle loro case e delle loro città.
Ultima brevissima considerazione: i ragazzi e le ragazze dell'HDP, che ci hanno accompagnato sempre, i nostri angeli custodi, sempre attenti a noi, sempre col sorriso, ma con una forza e determinazione straordinari , loro sono il futuro e da loro abbiamo molto da imparare.
Per parlare e confrontarci su tutto questo e raccontarvi del patto d'amicizia tra Fidenza e Silvan  vi invitiamo sabato 2 aprile all'Ex Macello di Fidenza, alle 21
Col Kurdistan nel cuore
Marco e Nelly