sabato 31 dicembre 2011

Uludere: Massacro di massa

ŞIRNAK –La delegazione di IHD (Associazione dei Diritti Umani) e di MAZLUMDER (L'Associazione dei Diritti Umani e della Solidarietà per i Popoli Oppressi) ,che ha preparato una prima relazione di monitoraggio dal sito, esaminando l'accaduto del massacro degli abitanti di villaggio bombardati dagli aerei da guerra a Ortasu (Roboski) villaggio presso la citta' di Sirnak, ha dichiarato che l'incidente è una totale di esecuzione extragiudiziale e un massacro di massa.

Nel rapporto,Haci Encü,sopravvissuto al bombardamento, ha registrato che sono stati bloccati dai soldati e bombardati dagli aerei da guerra.
La delegazione IHD e MAZLUMDER, che sono andate a Uludere per un esame in loco della vicenda del massacro degli abitanti di villaggi bombardato dagli aerei da guerra a Ortasu (Roboski) Sirnak, ha annunciato una relazione preliminare di monitoraggio.
La relazione preliminare di monitoraggio preparata dagli amministratori di IHD di Diyarbakir, Hakkari, Van, Siirt e della sezione di Mardin, e dagli amministratori di MAZLUMDER della sede di Hakkari e della filiale di Diyarbakir ha centrato i momenti cruciali.
Viene indicato nella relazione che la delegazione è arrivata in città a Uludere la sera ed e' andata in ospedale dove i cadaveri erano in attesa,e segue
come descritto:"Si è osservato che l'ospedale era affollato, i cadaveri sono stati depositati casualmente nelle sale avvolti con le coperte,e le loro famiglie stavano guardando i cadaveri.E 'accertato che l'autopsia è stata eseguita in una sala nel seminterrato dell'ospedale accanto al locale della caldaia di riscaldamento;una parte della sala è stata divisa in due parti, chiudendola con delle lastre e l'autopsia è stata eseguita dietro il sipario;solo un avvocato di Sirnak dell' associazione forense è stato permesso di essere presente per conto delle famiglie;due pubblici ministeri stavano portando avanti le operazioni e le autopsie di soli 6 cadaveri 'sono statecompletati dal 18.30. "E 'stato anche affermato nella relazione che i cadaveri erano in ospedale e quelli che hanno perso la vita erano di età compresa tra 12 e 28, e l'incidente era avvenuto al punto zero del confine.

Il testimone dell'incidente:Siamo stati bloccati dai soldati e l'aereo da guerra ci ha bombardato

Le seguenti dichiarazioni di Hacı Encü che ha 19 anni,sopravvissuto all'accaduto e intervistato in ospedale sono state incluse nel report:

"Noi, un gruppo composto da 40-50 persone, abbiamo attraversato dalla parte irachena il confine con lo stesso numero di muli per portare carburante e prodotti alimentari alle ore 16.00 il 2011/12/28.Non abbiamo informato in particolare il posto di guardia militare,ma sapevano già che stavamo andando e tornando.Il nostro obiettivo era quello di portare lo zucchero e il carburante.Abbiamo anche sentito la voce del velivolo senza equipaggio(UAV)ma siamo iniziato a muoverci perché siamo sempre tra andata e ritorno.In serata, alle 19.00, siamo partiti dopo aver appesantito i muli.Intorno alle 21.00, ci siamo avvicinati al confine.Siamo arrivati ​​all'altopiano dei nostri villaggi, l'altopiano proprio al confine.In là, loro hanno gettato al chiarore il primo aereo e poi hanno cominciato a sparare con un'obice di artiglieria.Abbiamo lasciato il nostro carico sul lato del confine.Subito dopo, l'aereo è venuto e ha iniziato il bombardamento.Eravamo due gruppi, e, c'era circa 300-400 metri di distanza tra noi e il gruppo dietro.Subito dopo gli spari di artiglieria,venne l'aereo da guerra.Perché i soldati avevano bloccato il nostro altopiano, non c'erano strada da percorrere.Pertanto, i gruppi dovevano unirsi.Alla fine, siamo diventati due grandi gruppi.Al primo bombardamento, il gruppo che consisteva di circa 20 persone è stato ucciso. Subito dopo, abbiamo iniziato a indietreggiare.
Quelli che hanno soggiornato in mezzo alle rocce venivano bombardati.Il gruppo in cui ero anche stato era di 6 persone, 3 di noi sono riusciti a sopravvivere.Abbiamo avuto ogni giorno abiti civili e nessuno aveva una pistola.L'incidente è durato circa 1 ora.Noi, 1-2 persone ci siamo messi in una piccola insenatura con 3 muli.Dopo aver atteso per un'ora,ci siamo al riparo sotto una roccia.Non abbiamo sentito nulla dai nostri amici.Intorno 23,00-23,30,abbiamo capito che gli abitanti del villaggio stavano venendo quando abbiamo visto le luci e udito le voci.Mentre gli abitanti del villaggio hanno iniziato a urlare, i soldati si sono ritirati dall'altopiano.E 'da tempo che facciamo questo lavoro.Due di loro erano sposati, gli altri erano studenti di liceo e della scuola primaria.Fino ad ora, nessuno mi ha chiamato per rilasciare una dichiarazione. Non Ho visto nessun soldato dopo l'incidente. "

"I soldati erano consapevoli di questa situazione"

Le decisioni della delegazione sono state classificate nella relazione come segue:
E 'accertato che;

-Tutte le persone uccise e ferite nell'incidente erano civili,
-Nel corso dell'incidente, il gruppo non è stato avvertito dello STOP e non ci sono stati avvertimenti,le forze di sicurezza non sono state lanciate in nessun modo,i soldati non hanno aperto singolarmente il fuoco ,Il velivolo ha effettuato i bombardamenti ha causato la morte della gente,
- I civili erano ben conosciuti dalle forze di sicurezza che erano sul luogo dell'incidente, e le forze di sicurezza erano consapevoli di questo andata-ritorno per il commercio di confine.
-Anche se non abbiamo visto sul posto,la stessa via viene sempre utilizzata per il commercio di frontiera ed e' conosciuta da tutti incluse le forze di sicurezza;la via in cui è stato utilizzato non era un sentiero;
-Contrariamente alle dichiarazioni ufficiali, la scena dell'incidente è lontana dalla regione chiamato come Sİnat-Haftanin;uno dei gruppi che è stato attaccato era dal lato del confine della Turchia e l'altro gruppo era sul confine tra Iraq e Turchia,
-Nessuna istituzione ufficiale ha assunto una iniziativa per ottenere i cadaveri dopo l'incidente e i soldati si erano totalmente ritirati dalla scena, i cadaveri sono stati presi dagli abitanti del villaggio e portati al villaggio Gulyazi con i propri mezzi.
-Le condizioni della struttura ospedaliera non erano appropriate per l'autopsia, i cadaveri sono stati casualmente depositati nelle stanze, i cadaveri sono stati avvolti avvolti con le coperte dalle loro famiglie,il personale dell'ospedale è stato inadeguato,addirittura potremmo quasi dire che quasi tutti i cadaveri e sono stato portati dagli abitanti del villaggio per l'autopsia e alle ambulanze.
-Le prove dopo l'autopsia non saranno prese in debita forma a causa delle condizioni attuali, di conseguenza, l'offuscamento delle testimonianze è altamente possibile.
-I cadaveri, che hanno visto la nostra delegazione in ospedale erano bruciati, le loro interiora erano fuori, il cuoio capelluto della maggior parte era in frantumi e la loro integrità fisica e' andata in frantumi,
-Nell'accaduto sono stati utilizzate un alto esplosivo e munizioni caustiche."

"Si tratta di una esecuzione extragiudiziale e di un massacro di massa"

Nel rapporto è stato registrato che una relazione più dettagliata dovrebbe essere preparata per l'incidente, è stato anche dichiarato "La nostra delegazione ha concluso che l'incidente è una esecuzione extragiudiziale e un massacro di massa in termini di numero di persone uccise '.
In questo senso, si conclude che le organizzazioni della società civile dovrebbe mostrare la consapevolezza di fare l'esame; Il Comitato per i Diritti Umani delle Nazioni Unite dovrebbe urgentemente inviare una delegazione, i media turchi dovrebbero avvicinarsi a questo massacro, nel quadro dell' etica stampa tenendosi fuori dalle dichiarazioni delle istituzioni ufficiali e mostrare consapevolezza per riflettere la realtà al pubblico.

venerdì 30 dicembre 2011

Drammatiche testimonianze dei bombardamenti

Mercan Encü è la madre di Servan e Nevzat Encü. I due ragazzi hanno perso la vita nel bombardamento da parte dell'esercito turco nella notte di mercoledì 28 dicembre. Mercan Encü è devastata dal dolore e dalla tristezza. Piange e dice "I miei bambini andavano al confine per acquistare il carburante ma il governo turco li ha uccisi senza pietà. Per quale dei miei figli devo piangere ora? Hanno bruciato i miei figli." 
Zahide Encü, madre di Aslan Encü di 12 anni ha perso suo figlio: "Mio figlio maggiore ha perso il piede sette anni fa quando ha calpestato una mina mentre faceva questo lavoro. - Dice - Mio figlio di 12 anni ha fatto contrabbando anche per avere i soldi per una protesi per suo fratello. È andato lì per comprare due bidoni di carburante. Tuttavia, lo Stato li ha affrontati e inviato aerei da guerra contro di loro. I bambini che sono morti nel bombardamento - ha aggiunto - erano tutti di 12 anni, alcuni di 14. 
Dobbiamo contrabbandare perché non abbiamo altre opportunità. "La madre devastata grida agli assassini, i colpevoli di questo massacro: "non sono credenti in Dio, non musulmani perché l'Islam non permettere alla gente di uccidere persone con aerei da guerra. Tutte le vittime sono state bruciate e i loro corpi dilaniati. Non ero in grado di riconoscere i corpi dei miei figli." Halit Encü, un parente di una vittima del bombardamento, ha sottolineato che lo Stato sapeva anche che queste persone facevano contrabbando. 
Il contrabbando - ha aggiunto - è l'unica fonte di vita delle persone che vivono nella zona. Ayaz Encü parente di un'altra vittima: "I nostri parenti sono stati massacrati selvaggiamente e senza pietà. Il mondo intero ha bisogno di vedere che questo è il vero volto della Turchia e l'AKP. Invito l'opinione pubblica mondiale ha mostrare consapevolezza e l'opinione pubblica turca ad essere qui". 
fonte :ANF ​​/ Sirnak

giovedì 29 dicembre 2011

Bombardamento turco a Uludere: 36 cittadini kurdi uccisi

L'esercito turco ha ucciso nella notte tra mercoledì e giovedi almeno 35 civili in un attacco aereo contro un villaggio nella provincia di Sirnak. 36 abitanti compresi bambini e studenti delle scuole superiori sono stati uccisi nel bombardamento, secondo le agenzia di stampa kurde Firat e Diha, che hanno pubblicato le foto della strage. Testimoni hanno riferito che i quattro caccia F-16 hanno bombardato il 28 dicembre alle 09:20 p.m. intorno al villaggio di Ortasu (Roboski in lingua kurda) e a Uludere nella provincia di Sirnak, al confine con l'Iraq.
Le vittime sono bambini e giovani, di età compresa tra 12 a 18 anni e pastori del villaggio.
Il governatore locale, Vahdettin Özkan ha confermato solo che è avvenuto un "incidente", senza spiegare le circostanze in cui queste persone sono morte. Lo Stato Maggiore Generale turco in un comunicato ha confermato il bombardamento. Nessuna informazione è stata data sull'identità delle persone uccise, si cita soltanto che la regione è spesso usata dai combattenti del PKK.
Il comando della divisione Gulyazi a Sirnak ha avvertito che queste persone erano conosciute e non erano combattenti del PKK, ma gli aerei hanno bombardato, riferisce da fonti anonime l'agenzia Firat news. Il raid è avvenuto poche ore dopo la riunione del Consiglio di Sicurezza Nazionale, tenutasi mercoledì. Il principale partito kurdo BDP ha decretato tre giorni di lutto e ha invitato i kurdi a scendere in piazza per protestare contro il massacro.
fonte : Aktukurde

Dichiarazione hitleriana di un ministro turco

La dichiarazione hitleriana del Ministro turco, tradotta dal sito Actukurde.fr:
Il terrorismo è sostenuto attraverso la pittura, la poesia e gli articoli giornalistici ma anche da chi è dedito all’arte e alla scienza. Queste parole offensive non appartengono né a Hitler né a Mussolini ma al Ministro dell'Interno turco Idris Sahin Naim.

Altri 35 giornalisti sono stati imprigionati, portando così a 95 il numero dei membri della stampa incarcerati e in concomitanza con questi fatti, il governo AKP di Recep Tayyip Erdogan ha annunciato l'intenzione di preparare una serie di misure "democratiche" per migliorare la situazione della libertà di espressione. Ciò ha alimentato il timore tra i curdi e gli oppositori di sinistra, perché ogni volta che il governo Erdogan ha parlato di "cose ​​buone", la polizia ha immediatamente lanciato una nuova campagna di arresti.


Nuovi obiettivi: scienziati, poeti e associazioni.

Il Ministro dell' Interno turco si è affrettato a dare un’interpretazione alle misure annunciate e le sue parole svelano un quadro chiaro della situazione. Dato che il governo ha esteso a quasi tutte le categorie della popolazione la lotta al “terrorismo”, il ministro colma i vuoti lasciati con questa dichiarazione: "(...) C'è un altro pilastro del terrore: il terrore psicologico, il terrore scientifico. C'è un contesto che alimenta questa paura. C'è anche la propaganda (...) Alcuni giustificano il terrore e lo supportano attraverso la pittura, altri usando lo strumento della poesia o scrivendo articoli giornalistici(...) Così facendo combattono coloro (si riferisce alle forze di polizia) che lottano contro il terrorismo. "


Minaccia di chiusura del partito curdo?

Dopo aver posto gli scienziati e poeti in prima linea, il Ministro accusa il BDP di essere un'estensione del PKK, il Partito dei lavoratori del Kurdistan. Una dichiarazione presa come una minaccia di chiusura del partito curdo.

Il co-presidente del BDP, Selahattin Demirtas, ha detto di essere in possesso di informazioni che rivelerebbero che il ministro aveva ordinato alla polizia di raccogliere "prove" contro il BDP e di trasmetterle alla Corte di Cassazione. "Non sappiamo se sarà aperta un’ l'indagine per la chiusura del partito ", ha detto il co-presidente del partito curdo. L'11 dicembre 2009, la Corte costituzionale turca ha sciolto il partito curdo DTP (Partito della Società Democratica), ora BDP.


Il ministro si occupa di tutti i valori

Il ministro dell'Interno continua così: “(riferendosi ai militanti curdi), il nome del nazionalismo e del senso di fratellanza, ci sono tutta una serie di comportamenti senza onore, amorali e inumani, che vanno dallo Zoroastrianesimo all'omosessualità, passando anche alla carne di maiale. "

A Cengiz Candar, giornalista del quotidiano Radikal, la dichiarazione del ministro ricorda le parole Goebbels, il ministro della Propaganda di Hitler.

Questa mentalità ha trasformato il paese in una prigione a cielo aperto. Dal 2009 più di 8000 persone sono state arrestate in connessione con il KCK e di queste, 5.000 sono attualmente in carcere, senza contare le migliaia di individui in prigione per presunti legami con il PKK.

Il Governo contro la democrazia


Questa politica che ha come scopo quello di manipolare l'opinione pubblica, sta provocando gravi violazioni dei diritti umani, rendendo il paese la più grande prigione del mondo per giornalisti (con 95), studenti ( 500), avvocati (36), politici eletti (centinaia di cui 18 sindaci e otto deputati), sindacalisti (40) e membri delle associazioni per i diritti umani ( almeno 15).

I curdi hanno tutte le ragioni per non credere alle promesse non mantenute del governo. Nessuna azione concreta è stata presa finora per migliorare la condizione dei diritti umani e la libertà di espressione. Tutte le richieste legittime del popolo curdo sono state negate e represse. Un governo che arresta tutti coloro che pensano diversamente rispetto dell'ideologia ufficiale e annienta la libertà di espressione, non sarà in grado di trovare alcuna soluzione ai problemi sociali o etnici. Un primo ministro che sogna di stabilire sistema presidenziale autocratico, non potrà mai promuovere una politica di democrazia partecipativa.

sabato 17 dicembre 2011

Una visita a Van

Lo scorso mercoledì 7 dicembre, una delegazione italiana formata da una trentina di persone formata da volontari, aderenti ad associazioni umanitarie ed a sindacati (Europa Levante, Progetto Diritti, Verso il Kurdistan, Cgil, Cobas), di cui facevo parte, ha visitato l’antica città curda di Van, in Turchia, colpita da un terribile terremoto il 23 ottobre ed il 9 novembre scorso.
Avevamo con noi del vestiario e delle coperte, assai preziosi per combattere il rigido inverno anatolico, e del denaro che avevamo raccolto in Italia. Abbiamo consegnato di persona il tutto al sindaco della città, eletto nelle fila del partito curdo BTP, Avv. Bakir Kaya, che ci ha informato sulla situazione e sulle difficilissime condizioni di vita degli abitanti di Van.
Ebbene, il terremoto, che ha fatto 640 vittime e decine di migliaia di feriti, ha distrutto molte abitazioni ed ha reso inagibili il 95% degli alloggi della città, costringendo la popolazione alla fuga verso altre destinazioni od alla vita nelle tende; di 400.000 abitanti, ca. 250.000, quelli che avevano maggiori disponibilità economiche, sono riusciti a lasciare la città, magari ospiti di parenti o di amici, altri 150.000, i più poveri, sono accampati nelle varie tendopoli presenti in città. E’ inutile dire che le attività economiche, le piccole industrie, l’artigianato, sono praticamente distrutti.
Le scuole sono chiuse, anche perchè almeno 65 maestri sono morti nel terremoto di ottobre e non si sa quando potranno riaprire, nonostante gli annunci dei ministri turchi, puntualmente disattesi. L’unico ospedale della città è inagibile.

Il sindaco ci ha riferito di una situazione paradossale creatasi con la Prefettura di Van, che per la legge turca gestisce l’emergenza del terremoto e la ripartizione degli aiuti che da tutto il mondo sono in un primo tempo arrivati (prima rifiutati, poi, lasciati marcire per molti giorni alle frontiere). Ebbene, nonostante le richieste dell’ Amministrazione comunale di Van, non v’è nessuna comunicazione o informazione della Prefettura sui piani di distribuzione degli aiuti, sul programma di ricostruzione, sulla situazione scolastica e sanitaria. Insomma, come se non esistesse.
Eppure, l’amministrazione comunale di Van, grazie all’aiuto delle altre municipalità curde ed ai pochi aiuti internazionali che direttamente gestisce è in grado di assicurare 30.000 pasti caldi al giorno e distribuirli in quindici tendopoli ove ha attrezzato delle lavanderie comuni e dei piccoli ospedali da campo. Noi stessi abbiamo visitato le grandi cucine ed una delle tendopoli, dove decine e decine di bambini, nonostante il freddo pungente, giocavano per strada accanto ad una tenda votata ad infermieria ove due medici e due infermieri, tutti volontari facenti parte di un sindacato di ispirazione socialista, lavoravano in difficili condizioni ambientali.
Siamo andati via con una sensazione di grande tristezza, amplificata dal fatto che i pochi aiuti finora arrivati rischiano di scemare, finito l’effetto del clamore massmediatico creatosi nei giorni successive al terremoto, come anche teme il sindaco Bakir Kaya.
Scrivo queste poche note per stimolaree chi voglia farlo ad aiutare questa magnifica città ed i suoi abitanti a superare questa terribile prova cui sono sottoposti. Servono medicine, medici, personale infermieristico, vestiario, coperte, denaro, e servono presto.

Roma, 9 dicembre 2011

Avv. Mario Antonio Angelelli (Associazione Progetto Diritti)

sabato 10 dicembre 2011

Dossier Turchia 2011

Circa 20 milioni di kurdi vivono in Turchia, in maggioranza nelle regioni del sud-estdell'Anatolia. La Costituzione turca non riconosce le minoranze, stabilendo l'integrità territoriale del paese, oltre che l'unità di lingua e popolazione. La popolazione kurda ha espresso in più occasioniin maniera democratica, attraverso il suo voto, la volontà di arrivare al riconoscimento dei propridiritti linguistici, culturali, di autonomia, senza peraltro ottenere cambiamenti sostanziali. Più volteè sembrato che fosse giunto il momento di iniziare un percorso negoziale fra le parti in conflitto per arrivare a una soluzione pacifica e politica della questione kurda. Purtroppo gli eventi del 2011, e iloro antecedenti, descritti in questo rapporto, mostrano come da parte dello stato turco inteso siacome sistema politico, sia come sistema giudiziario e di polizia, non si sia ancora intrapreso questo percorso verso una soluzione politica che consentirebbe la fine del conflitto armato e cherisponderebbe alle richieste da parte del popolo kurdo: un'ampia autonomia all'interno della Turchiaal pari di regioni come la Catalunya e i Paesi Baschi in Spagna, o come lo statuto del Trentino AltoAdige in Italia.
Il Dossier Turchia 2011 pubblicato sul web è stato redatto da Uiki Onkus: fare attenzione perchè contiene immagini decisamente crude, se ne sconsiglia la visione a minorenni e persone particolarmente sensibili.

sabato 3 dicembre 2011

Turchia, test per la democrazia

Turchia, riprende martedì processo a 152 curdi, test per la democrazia

Diyarbakir (Turchia): Riprende il 6 dicembre a Diyarbakir, nel sudest della Turchia, uno dei più grandi processi alla società civile curda. Si tratta del cosiddetto processo Kck, che vede sul banco degli imputati 152 tra sindaci, ex parlamentari e attivisti di associazioni per i diritti umani appartenenti alla rete Koma Civaken Kurdistan (Unione delle comunità curde). Centoquattro imputati rimangono in carcere, alcuni da oltre due anni. L'accusa è quella di legami con gruppi terroristici e in particolare il bandito Partito dei lavoratori del Kurdistan (Pkk), di cui il Kck è considerato un'ala urbana. Durante la prima udienza del processo, il 18 ottobre del 2010, l'accusa ha presentato un fascicolo di quasi 8mila pagine.

La cosiddetta 'operazione Kck' fu lanciata il 14 aprile del 2009, a due settimane dalle elezioni amministrative del 29 marzo, nelle quali il partito filocurdo Dtp (Partito della società democratica) aveva ottenuto un buon risultato nella regione sudorientale, sottraendo voti all'Akp del primo ministro Recep Tayyip Erdogan. Nel corso del 2009 e nei primi mesi del 2010 circa 1.900 persone sono state arrestate con l'accusa di legami al Kck. La maggior parte degli arrestati sono membri, attivisti e simpatizzanti del Dtp. Tra loro ci sono nove ex e otto attuali sindaci, tra cui il primo cittadino di Diyarbakir, Osman Baydemir. A dicembre del 2009 la Corte costituzionale turca ordinò la chiusura del Dtp. Trentasette leader del partito sono stati inoltre banditi dall'attività politica per cinque anni, sempre con le accuse di legami al Pkk e sostegno a un gruppo terroristico. Il 23 dicembre del 2009 i rimanenti membri del partito bandito hanno formato il Baris ve Demokrasi Partisi (Bdp, Partito della pace e della democrazia).

Al centro del processo che riprende martedì a Diyarbakir c'è la questione dell'uso della lingua madre degli imputati, il curdo. Gli imputati si rifiutano infatti di parlare in turco, ma il giudice ha più volte respinto le richieste loro e dei difensori, definendo il curdo "una lingua sconosciuta". Osservatori di gruppi per i diritti umani internazionali che seguono il processo segnalano inoltre le significative pressioni subite dagli avvocati della difesa, che hanno boicottato le ultime udienze spiegando di non essere in grado di difendere gli imputati in turco. Gli avvocati sono stati poi a loro volta imputati e intimiditi dalle forze di sicurezza. Durante l'ultima udienza del 25 agosto scorso, la procura ha chiesto al tribunale di trasferire il processo in un'altra provincia, visto che i procedimenti non possono andare avanti a causa dell'assenza dei difensori.
Il processo è considerato un test per la democrazia in Turchia e per le intenzioni del governo di Erdogan riguardo alla questione curda. L'accusa sta cercando di dimostrare che il Kck, che raggruppa la maggior parte delle organizzazioni della società civile curda, possa essere definita un'organizzazione terroristica al pari del Pkk. Di conseguenza quasi tutti gli esponenti della società civile curda, avvocati, docenti, politici e attivisti, potrebbero essere definiti dei terroristi. Il processo ha inoltre un impatto negativo sulle relazioni tra il governo di Ankara e il Bdp e potrebbe portare all'aggravarsi del conflitto tra esercito e Pkk.

di Karolina Kozik

Fonte: LaPresse

mercoledì 30 novembre 2011

"Io condivido la mia casa con la gente di Van"

Nell'ambito della campagna "Io condivido la mia casa con la gente di Van" lanciata dal Comune metropolitano di Diyarbakir, il Sindaco Osman Baydemir ha aperto la sua casa nel quartiere Kayapınar ad una famiglia di 15 persone.
Baydemir e sua moglie Reyhan Yalçındağ hanno visitato la famiglia Kiye questa mattina e hanno fatto colazione insieme. Baydemir ha ascoltato i problemi di ogni membro della famiglia. Dopo la visita alle vittime del terremoto, Baydemir ha dato informazioni su una nuova campagna del Comune che è stata lanciata in collaborazione con i Comuni del distretto con il nome "Condivido il mio pasto con il popolo di Van". L'obiettivo di questa campagna è di aiutare le vittime del terremoto con pacchi viveri. Baydemir ha esteso il suo grazie alle persone di Diyarbakir per la solidarietà dimostrata nell'alleviare le ferite delle vittime del terremoto ed ha invitato tutti i cittadini di Diyarbakir, quelli benestanti in particolare, a condividere il loro pasto con le persone di Van con l'invio di almeno un pacco viveri.
Baydemir ha anche osservato che 209 famiglie sono state accolte a Diyarbakir e ha concluso la sua dichiarazione chiedendo a tutte le persone di agire in solidarietà per alleviare i dolori della gente di Van che sta attraversando un periodo di grande difficoltà.
fonte : ANF / DIYARBAKIR / AMED

domenica 27 novembre 2011

Serata di solidarietà con il popolo kurdo a Parma

Notizie da Van

Ho appena incontrato una compagna del BDP di Wan che mi ha aggiornato sulla situazione post terremoto. 
Vi faccio un riassunto: i pochi prefabbricati arrivati in loco sono stati dirottati esclusivamente verso le famiglie dei poliziotti, membri dell'esercito e sostenitori dell'AKP e lo stesso vale per numerosi container. Molte persone non potendo usufruire delle tende, sono costrette a dormire in capanne costruite con teli di plastica e altri materiali di fortuna. Chi è riuscito a procurarsi una tenda comunque non riesce a proteggere i propri cari dal freddo e sono stati segnalati numerosi casi di bronchite ed altre simili patologie, l'uso di acqua gelida non fa che aggravare questa situazione. La Municipalità di Wan sta assistendo la popolazione giorno e notte ma nonostante i loro sforzi e i camion carichi di generi di prima necessità che continuano ad arrivare dalle citta kurde, gli aiuti e i finanziamenti non bastano a coprire l'esigenze di Wan e dei villaggi colpiti dal sisma. L'economia è in ginocchio poichè numerose fabbriche sono chiuse e lo stesso vale per bazar e negozi. La gente rimasta disoccupata, sta migrando altrove o in alcuni casi vende i propri averi per procurarsi cibo e generi di prima necessità. Pochi giorni fa ho sentito uno dei responsabili delle attività di progettazione del comune di Wan, il quale mi ha comunicato che dovrebbero costituire un squadra focalizzata nei progetti di ricostruzione entro la fine di dicembre e che ci terrà aggiornati sulla situazione.

Ribadisco ancora una volta che nonostante i riflettori si siano spenti ormai da tempo, Wan e provincia permangono in una situazione di estremo bisogno ed è dovere di tutti sostenere la popolazione colpita dal sisma. Tutto ciò si inserisce un contesto estremamente complesso in cui il Governo AKP sta portando avanti un vero e proprio genocidio politico, arrestando avvocati, studenti, membri del BDP, accademici ed attivisti dei diritti umani.

Per offrire immediatamente un aiuto è possibile contribuire con un versamento sul conto corrente bancario intestato all’Associazione EUROPA LEVANTE, che sta organizzando prime forme di sostegno alla popolazione in collaborazione con VAN DER (Associazione per la lotta contro la povertà e per lo sviluppo sostenibile) e con il patrocinio del Comune di Van.
Per il versamento i dati da utilizzare sono i seguenti:
Associazione Europa Levante
Banca Popolare di Sondrio
Codice IBAN: IT13 G056 9603 2000 0000 8838 X21
Codice BIC/SWIFT: POSOIT22

domenica 20 novembre 2011

Il paese dei bimbi volanti

Dal 20 al 30 novembre nell'atrio di Palazzo Tursi in Via Garibaldi a Genova sarà esposta la mostra fotografica "Kurdistan, il paese dei bimbi volanti", organizzata dall'Associazione "Senza paura".


lunedì 14 novembre 2011

Dal nostro inviato a Van

Tre persone sono state prese in custodia dopo il violento attacco della polizia contro le vittime del terremoto. Le persone si erano radunate vicino alle rovine dell'Hotel Bayram per protestare contro il vice primo ministro Besir Atalay dopo il terremoto di ieri a Van. 38 persone sono morte in questa seconda fase del terremoto.

Dopo aver trascorso la notte fuori,
nelle prime ore del mattino le persone si sono radunate di fronte all'Ufficio del Governatore di Van per domandare tende e di fronte al suo diniego ne hanno chiesto le dimissioni. I manifestanti sono stati dispersi con un brutale attacco della polizia e con utilizzo di idranti, mentre il vice primo ministro Besir Atalay stava arrivando sulla scena.

Atalay subito dopo se n'è andato mentre gli scontri sono aumentati e nessuna soluzione è stata offerta. La polizia ha poi attaccato i manifestanti lanciando gas lacrimogeni. Due persone sono rimaste ferite durante gli scontri. La tensione continua nella zona.

L'Hotel Bayram è crollato la scorsa notte, quando un terremoto di magnitudo 5,6 ha colpito la provincia orientale di Van, lasciando 38 morti e oltre 50 feriti. Il crollo di questi edifici ha aperto la strada alle voci di rabbia contro la mancanza di precauzioni che il governo non ha preso a seguito del precedente terremoto  di magnitudo 7,2, che ha colpito la provincia solo poche settimane fa, causando la perdita di almeno 600 vite umane.

La gente vive in tende in questo momento. E' molto freddo e nevica a Van. Ci sono ancora molte persone senza tende e che non possono tornare nelle proprie case, spesso distrutte o rese pericolanti dalle continue scosse di terremoto.  


Un video sul terremoto di Van, uno dei tanti presenti sull'importante canale KurdishAgit.

sabato 12 novembre 2011

Drammatiche notizie da Van

L’ultima recentissima scossa di terremoto ha causato altri 36 morti oltre a dare un’ulteriore colpo ad una popolazione in condizione disperata. Le notizie che giungono da Van e dall’area circostante sono più che drammatiche.  Il primo terremoto di magnitudine 7.2 avrebbe causato 604 morti mentre le successive scosse degli ultimi giorni ne hanno causati altri 36. La situazione è molto più che drammatica. Molti sono i villaggi ancora isolati, e chi è sopravvissuto alle scosse sta patendo freddo e fame!
Molta gente è tuttora senza tende, servono quindi tende e coperte termiche.
A Bostanici la situazione è drammatica, servono urgentemente cibo per i neonati, assorbenti, medicinali per le donne che hanno appena partorito ….   
La provincia di Van è assolutamente in ginocchio, i pochi aiuti sono dirottati verso polizia , militari e sostenitori dell’AKP. 
Gli aiuti internazionali che continuano ad arrivare vengono distribuiti in modo a dir poco discriminatorio, almeno 50 villaggi non sono ancora stati raggiunti da nessun tipo di aiuti.
Sindaci e deputati BDP sono ancora in zona a coordinare gli aiuti. Tonnellate di materiali di aiuto sono state inviati dalle province di Mardin, Siirt, Hakkari, Mus, Kars e dai distretti di Nusaybin, Kurtalan, Çukurca, Yüksekova, Semdinli, Dogubayazit, Diyadin, Patnos e Tatvan.
Una delle cose più assurde e sconvolgenti degli ultimi giorni è che la polizia ha più volte attaccato la gente disperata che protestava  contro la mancanza di aiuti oltre ad essere definita da Erdogan come “provocatori” (ce ne vuole a definire provocatore chi cerca di fare qualcosa per la sopravvivenza della sua famiglia. n.d.r.!!) Un video sulle cariche   dal sito www.ajansamed.com .
Dobbiamo far sì dobbiamo far si che non ci si dimentichi di Van e provincia e insisto sulla provincia perché molto villaggi sono in condizioni di completo isolamento e chi non è morto in seguito alle scosse sta patendo il gelo, senza contare che l'economia in molte di queste aree si basa sulla pastorizia ma se gli anomali non sono protetti l'economia tracolla.

E' sempre importante continuare le donazioni: 
Associazione Europa Levante
Banca Popolare di Sondrio
Codice IBAN: IT13 G056 9603 2000 0000 8838 X21
Codice BIC/SWIFT: POSOIT22

Per quanto riguarda gli arresti  il premier la settimana scorsa  ha detto che nonostante le polemiche contro la detenzione di alcuni accademici, in Turchia non cesseranno le retate nell'ambito del KCK: da mesi è in corso una sorta di “tempesta degli arresti” contro accademici, sostenitori politici ed intellettuali accusati di far parte della Kurdish Communities Union, senza peraltro nessuna prova..
Stiamo parlando di genocidio politico,  non c'è altra definizione oltre ovvio a quello culturale e a quello fisico  vedi l'uso di bombe a frammentazione e di armi chimiche: come documentato da questo articolo in francese su Le Post e sempre in francese su questo news-blog
Attorno al villaggio Cevizli sono state analizzate le zone vittime dei bombardamenti, il che ha rivelato l’utilizzo di napalm e altre armi chimiche.
Si richiede che le istituzioni internazionali indaghino sull’utilizzo di armi chimiche!


Mappa della provincia di Van colpita dal terremoto

giovedì 10 novembre 2011

Nuovo terremoto a Van

Dopo lo spaventoso terremoto che ha colpito Van e la zona circostante, ieri un'altra gossa scossa ha colpito la zona creando ulteriori danni e morti. Mentre i mass-media tacciono le uniche informazioni sono sul web, importante il sito  Osservatorio Balcani e Caucaso. Noi stiamo programmando velocemente alcune cene di raccolta fondi.
Per donazioni:
Associazione Europa Levante
Banca Popolare di Sondrio
Codice IBAN: IT13 G056 9603 2000 0000 8838 X21
Codice BIC/SWIFT: POSOIT22

venerdì 28 ottobre 2011

Notizie da Van

Dal nostro inviato a Van:

Sono stato a Van da lunedì (giorno in cui si è verificato il terremoto). Finora sono stato a Erciş e Van. Secondo le fonti ufficiali, con oltre 2.000 edifici distrutti, c’era necessità urgente di alloggi. Il tributo di vite umane era a 461 ma la Mezzaluna Rossa teme che centinaia di persone siano ancora intrappolate sotto le macerie e si teme che siano morte.

Segue un elenco di problemi collegati al terremoto che vorrei condividere con voi:

*Sebbene si sia trattato di un terremoto di magnitudo pari a solo 7.2, il governo turco ha rifiutato gli aiuti esteri. Tuttavia il governo turco ha deciso di accettare gli aiuti internazionali 3 giorni dopo il terremoto. La domanda principale che ci si pone è perché il governo turco abbia inizialmente rifiutato gli aiuti internazionali

* Commenti sprezzanti da parte di diversi ospiti della TV turca in relazione alle vittime curde del terremoto che domenica scorsa ha colpito l’est della Turchia hanno alimentato le tensioni etniche e politiche. “Prima lanciano sassi contro [la polizia] e uccidono [i soldati] sulle montagne, ma quando poi sono nei guai invocano l’esercito e la polizia perché li aiutino", commenta Muge Anli, presentatrice di ATV, canale privato turco, durante delle trasmissioni in diretta nel corso di questa settimana, commento che è stato postato su internet da diversi gruppi. Le sue affermazioni si riferivano a scontri tra i ribelli e le forze di sicurezza nell’Anatolia orientale a prevalenza curda e che si sono verificati prima del terremoto di domenica. "è ora che venga stabilito un certo equilibrio qui; la gente dovrebbe imparare a stare al proprio posto”, ha aggiunto. I Curdi sono veramente preoccupati in quanto le notizie foriere di razzismo e discriminazione li turbano e li deludono. Vi sono tuttora diversi gruppi su facebook, twitter e altri social network che esaltano il terremoto di Van e sperano che ve ne siano altri a Diyarbakir, Sirnak e Hakkari. Quei gruppi razzisti hanno affermato che “l’ira di Dio si è riversata su Van, Dio fa quello che il governo turco non potrebbe fare a Van”.

*I problemi di distribuzione ostacolano gli aiuti a Van. Man mano che i pacchetti con gli aiuti vengono riversati nella zona terremotata vi sono lamentele circa la mancanza di organizzazione nella distribuzione degli aiuti stessi. Alcuni terremotati affermano di non aver ricevuto tende nemmeno a tre giorni di distanza dal terremoto. Il governatore di Van non intende collaborare con il sindaco della città. Il Primo ministro Erdoğan si è recato a Van il giorno in cui si è verificato il terremoto ma non ha incontrato il sindaco della città in quanto, come la maggior parte di voi sa, il sindaco di Van appartiene al partito pro-curdo B.D.P. (Peace and Democracy Party), e quindi la gente ritiene che il governo dell’AKP strumentalizzi politicamente il cordoglio. Un ulteriore problema è rappresentato dalla confisca da parte del governatore di Van. Tutte le amministrazioni locali guidate dal B.D.P hanno fornito camion pieni di materiale che la polizia e il governatore della città hanno sequestrato in quanto quest’ultimo, che è nominato dal governo centrale intende screditare il BDP. Di conseguenza le persone che vogliono fornire il proprio aiuto alle vittime attraverso l’amministrazione comunale non riescono a inviare gli aiuti.

Sono stato in diverse zone di Van in cui la maggioranza della popolazione ha votato BDP alle ultime elezioni e lamentavano il fatto che non avevano ricevuto alcun aiuto dal governatore e che solo l’amministrazione comunale li aiuta per ottenere delle tende, alimenti, ecc. Queste persone ritengono che l’AKP li stia punendo.

Ho parlato con un amico che lavora presso il comune di Van e accettano donazioni in denaro. Mi chiedo quindi se potete organizzare delle azioni nel vostro Paese per raccogliere un po’ di fondi per i bambini di Van. Nel caso vogliate contattarli per avere informazioni aggiornate sul terremoto posso inviarvi i recapiti di amici coinvolti in questo progetto e idea.

dal nostro inviato ad Ankara:

Europa Levante ha lanciato una campagna di raccolta fondi, il ricavato verrà inviato all'associazione Van-derc che sta coordinando gli aiuti nelle zone colpite dal sisma. Anche il comune e l'associazione Sarmasic hanno aperto dei c/c per assistere i terremotati.
La situazione a Van è serissima, il Governo dirotta gli aiuti e molti villaggi non sono stati raggiunti dalle squadre di soccorso. Lo Stato non comunica con il Comune e il numero delle tende inviate è insufficente. La gente sta iniziando ad ammalarsi per il freddo e la scarsità d'acqua potabile...... 
Servono tende riscaldate e prefabbricati...ovviamente anche coperte, vestiti invernali, materiale medico, acqua, filtri per potabilizzare l'acqua, cibi in scatola, generatori ecc

lunedì 24 ottobre 2011

Appello urgente per la città di Van

La città di Van ed i suoi dintorni, nella regione curda della Turchia, sono stati colpiti domenica da un terremoto devastante che ha causato centinaia di morti e di dispersi, migliaia di feriti, distruzioni di interi quartieri e villaggi e di beni di grande valore storico ed archeologico (Van era l’antica capitale del regno degli Urartu nell’11 secolo a. C.).
Le condizioni della popolazione, che vivono in un’area estremamente povera, sono disperate. C’è bisogno di interventi urgenti per sostenere i soccorsi e assistere gli abitanti; occorre attivare forme di solidarietà e di cooperazione per aiutare la città e la regione in questa drammatica emergenza. Moltissime sono le richieste di aiuto che ci arrivano dalla popolazione e dalle associazioni della società civile della città.

Per offrire immediatamente un aiuto è possibile contribuire con un versamento sul conto corrente bancario intestato all’Associazione EUROPA LEVANTE, che sta organizzando prime forme di sostegno alla popolazione in collaborazione con VAN DER ( Associazione per la lotta contro la povertà e per lo sviluppo sostenibile) e con il patrocinio del Comune di Van.

Per il versamento i dati da utilizzare sono i seguenti:

Associazione Europa Levante
Banca Popolare di Sondrio
Codice IBAN: IT13 G056 9603 2000 0000 8838 X21
Codice BIC/SWIFT: POSOIT22

lunedì 22 agosto 2011

Raid aerei contro la popolazione kurda

Comunicato Stampa di UIKI Onlus:
Raid aerei Turchi contro la popolazione kurda: Rischio di guerra civile in Turchia

Sin dal 16 luglio scorso l’Iran ha intensificato in modo significativo le operazioni militari nel Kurdistan del Sud. Il 17 agosto l'aviazione turca ha cominciato una serie di pesanti bombardamenti nell’area sopracitata, in territorio iracheno, ufficialmente diretti contro alcune basi delle forze di difesa del popolo (HPG), i combattenti del PKK (Partito dei Lavoratori del Kurdistan) ma che hanno gravemente colpito obiettivi civili. Gli aerei sono partiti da Diyarbakır e da Batman, dirigendosi verso Metina, Zap, Sideka, Gare, Haftanin, Xakurke Xinere, Kandil. I caccia hanno bombardato 500 obiettivi tra cui pozzi d’acqua, ponti, campi e numerose vie di comunicazione, provocando  l’evacuazione di almeno 124 villaggi e mettendo in ginocchio la popolazione inerme.

Domenica 21 agosto, a seguito dei raid aerei sono stati uccisi 7 civili a Kortek (Kandil)  3 guerriglieri nella regione di  Behdinan. Le vittime civili sono padre, madre e i loro 5 figli tra cui un bambino di 6 mesi e sono state colpite mentre cercavano di mettersi in salvo, fuggendo a bordo della loro automobile.

Queste imponenti operazioni militari su vasta scala sono frutto di una strategia Turco-Iraniana che ha come chiaro obiettivo l’eliminazione della popolazione kurda che risiede nelle aree attaccate. Ricordiamo inoltre, che la Turchia ha intensificato gli arresti che mirano a colpire politici e attivisti kurdi. In questo scenario, si teme che la Stato turco non esiti a usare anche le armi chimiche, questa tragica ipotesi è resa ancor più reale  dal fatto che l’attuale Capo di Stato Maggiore Turco Necdet Ozel nel 1999 ha diretto numerose operazioni militari tra cui quella nei pressi di Ballıkaya, dove furono uccisi tramite l’uso di armi chimiche, 20 guerriglieri del Pkk. In tale occasione la Turchia ha violato la Convenzione sulla proibizione delle armi chimiche (CWC).

Il Governo Federale Kurdo ha duramente condannato le operazioni militari turche e ha fatto recentemente appello alla Nazioni Uniti perché adotti le misure necessarie per porre termine a tali crimini. In migliaia nei giorni scorsi sono scesi per le strade della capitale kurda per protestare contro i continui bombardamenti delle regioni di confine da parte dell’Iran e della Turchia, gli organizzatori delle manifestazioni hanno dichiarato che le proteste continueranno fino a che dureranno gli attacchi.

Stanchi di questa logica di guerra, che sta minando l'esistenza del popolo kurdo, chiediamo alla comunità internazionale, alla Comunità Europea e al Parlamento Italiano di adottare misure contro le operazioni militari transfrontaliere  per mano dell’esercito turco, che  costituiscono chiaramente una violazione del diritto internazionale e dei trattati che la Turchia ha firmato. Chiediamo inoltre una soluzione pacifica della questione curda.

Ci scusiamo per la crudezza delle immagini contenute nei link sottostanti

venerdì 19 agosto 2011

Appello per la fine dei bombardamenti

Comunicato Stampa di Uiki Onlus:
PER LA FINE DEI BOMBARDAMENTI TURCHI NEL KURDISTAN DEL SUD! PER UNA SOLUZIONE PACIFICA DELLA QUESTIONE KURDA!

Il 17 agosto l'aviazione turca ha cominciato una serie di pesanti bombardamenti nel Kurdistan del Sud, in territorio iracheno, ufficialmente diretti contro alcune basi delle forze di difesa del popolo (HPG), i combattenti del PKK (Partito dei Lavoratori del Kurdistan), ma che hanno colpito anche obiettivi civili. Gli aerei sono partiti da Diyarbakır e da Batman, dirigendosi verso Metina, Zap, Sideka, Gare, Haftanin, Xakurke Xinere. Non si registrano vittime finora ma persone del posto hanno detto che alcuni abitanti del villaggio Zergele di Kandil sono stati feriti, mentre il centro giovanile di Kandil è stato colpito. I raid giungono in seguito ad una esplosione della mattina ad Hakkari che ha provocato la morte di 11 soldati e un guardiano di villaggio.

Gli attacchi giungono in una fase delicata per la questione kurda in Turchia, dopo le elezioni dello scorso 22 giugno che hanno visto la buona affermazione del blocco curdo del partito BDP, vittoria a cui si è risposto con la repressione e con il rifiuto di riconoscere il mandato parlamentare ad Hatip Dicle e altri deputati accusati di propaganda per il PKK. Alle legittime richieste di autonomia e di una soluzione pacifica alla questione kurda, la Turchia ha risposto con la chiusura e ora di nuovo con l'opzione militare, negando che esista una questione kurda come affermato più volte dal primo ministro Erdogan.

Dopo gli attacchi dell'esercito iraniano nel Kurdistan iracheno dello scorso luglio, che come quelli odierni della Turchia nascondono l'intenzione di ridimensionare il governo federale kurdo dell'Iraq, dopo l'interruzione dei colloqui con il leader kurdo Ocalan che dovevano portare ad una road map per la pace, dopo la manifestazione dell'intenzione di porre in arresto altre migliaia di attivisti e rappresentanti della società civile kurda fra cui alcuni deputati eletti, che andrebbero ad aggiungersi ai 4000 già incarcerati, il governo turco sceglie di nuovo la strada dell'annientamento di un intero popolo, come contro i tamil nello Sri Lanka, scegliendo la guerra invece della pace.

Stanchi di questa logica di guerra, desiderosi solo di vedere rispettati i diritti all'autonomia e all'esistenza del popolo kurdo, chiediamo alla comunità internazionale, in primo luogo l'Unione europea, di adottare misure contro le operazioni militari transfrontaliere in Turchia, che  costituiscono chiaramente una violazione del diritto internazionale. Chiediamo inoltre una soluzione pacifica della questione curda, una nuova costituzione per lo stato turco che garantisca i diritti delle minoranze, il rispetto della democrazia.

giovedì 28 luglio 2011

Turchia: fosse comuni nella regione kurda

Newala Kasaba, due parole che il popolo kurdo ha in testa come se fossero state scolpite nella loro mente. E in effetti è così. Newala Kasaba concentra in sé la maggior parte di ciò che è stata la guerra sporca contro il popolo kurdo. Newala Kasaba è un ampio campo collinare, alla periferia immediata di Siirt. Potrebbe essere una discarica. E infatti si possono trovare immondizie. Ma basta camminare a piedi per pochi metri per capire che questa terra nasconde qualcosa di più raccapricciante e orribile. Come sacchi della spazzatura, stanno venendo a galla, però non contengono spazzatura. Pezzi di vestiti rivelano ciò che è veramente nascosto sotto questi campi. La gente di Siirt conosce da molto tempo quale verità è stata sepolta qui per essere occultata ancora una volta, nelle intenzioni di coloro che commisero l'orrendo crimine di rapire gente, torturarla, ucciderla e infine scaricare e seppellire i loro corpi come fossero spazzatura. Newala Kasaba è un enorme cimitero, un cimitero dove sono stati sepolti gli orrori della guerra dello Stato turco contro i kurdi. Ma la verità non può essere sepolta per sempre. E infatti coloro che sono stati sepolti stanno lottando per uscire, per ricordare a tutti gli orribili, crudeli crimini commessi dallo stato turco.
Si dice che più di 100 corpi sono sepolti a Newala Kasaba. Alcuni dicono che potrebbero essere anche 200. Tra questi si dice sia qui anche uno dei fondatori del PKK (Kurdistan Workers Party), Mahsun Korkmaz.

La realtà di Newala Kasaba finalmente è venuta alla luce e all'inizio degli anni '90 i parenti delle persone scomparse hanno cominciato a reclamare il diritto a trovare i corpi dei loro cari. Ma i magistrati non danno il permesso di scavare il sito. E così quelli che sono stati sepolti lì hanno cominciato a venire alla superficie. E' emotivamente molto difficile camminare lungo Newala Kasaba sapendo che sotto così tante persone sono state sepolte in fretta e senza rispetto. Ed è proprio questo che colpisce: lo Stato turco ha commesso crimini orribili sapendo di godere della più totale impunità. Hanno assassinato persone sapendo che non sarebbero mai stati chiamati a rispondere per questo. Ma i tempi stanno lentamente cambiando. Le associazioni della società civile, con l'aiuto del BDP (Partito per la Pace e la Democrazia) hanno lanciato una forte iniziativa chiedendo al governo di aprire le fosse comuni (che si dice che in Turchia sono oltre 200 per più di 3000 persone).

In Newala Kasaba le due organizzazioni turche dei parenti delle persone scomparse (YAKAY-DER, associazione delle famiglie delle vittime di sparizioni forzate e Meya-DER, associazione mesopotamica delle famiglie delle vittime di sparizioni forzate) hanno lanciato la loro proposta. Oltre a chiedere al governo di scusarsi per le sparizioni e le uccisioni, le associazioni hanno chiesto l'istituzione di una Commissione della Verità. Infatti hanno già iniziato a lavorare in questa direzione. Ed è incredibile il loro lavoro e gli sforzi in questi anni che oggi ha permesso di parlare e persino andare in posti come Newala Kasaba. Il prezzo pagato e ancora molto alto, ma il popolo di Newala Kasaba e le fosse comuni in Turchia chiedono giustizia.

mercoledì 27 luglio 2011

Attacchi Iraniani nei territori Kurdi

Il 17 luglio l’Iran tramite l' Iranian Revolutionary Guards Corps (IRGC) ha varcato i confini nell' Kurdistan iracheno bombardando i villaggi kurdi, causando centinaia di sfollati e molti feriti, inclusi donne e bambini. Tali azioni militari hanno danneggiato irrimediabilmente anche molti terreni adibiti ad allevamento e numerose coltivazioni, compromettendo così l’economia del luogo e la sopravvivenza dei suoi abitanti. E’ fatto noto che il regime iraniano da anni attacca i territori kurdi e come riportato da Cabar Yawer portavoce del ministro dei Perchmergher, dal 2007 ad oggi si sono registrati più di 400 villaggi evacuati a seguito del bombardamenti eseguiti per mano Iraniana e Turca. La situazione si sta aggravando e la popolazione kurda ne sta pagando le conseguenze, i bombardamenti da parte delle forze armate Iraniane hanno provocato 3 morti tra i civili a Qalashin, 3 a Merga Mira e a Zele una donna versa in condizioni disperate a causa delle ferite subite. La Croce Rossa ha fatto inoltre sapere che ad ora il numero degli sfollati è salito a 800.

Sin dalla sua fondazione il regime Islamico Iraniano ha violato gli obblighi nazionali ed internazionali. Nonostante abbia aderito a delle convenzioni internazionali chiave nell’ambito dei diritti umani, l' ideologia del regime commette continue infrazioni senza essere ripreso dalla comunità e dalle istituzioni internazionali. E’ cosa nota alle Nazioni Unite, Europa, Amnesty International e Human Rights Watch, che i kurdi sono vittime di costanti violazioni dei diritti umani.

I kurdi in Iran sono circa 10-12 milioni, sono concentrati principalmente nella parte nord ovest nelle province di Ilam, Kermanshah, Kurdistan, Lorestan e nell ovest dell' Azarbayjan. La loro identità viene continuamente negata e vengono privati del riconoscimento dei loro diritti sia all’interno del paese, sia a livello internazionale. In primo luogo viene negato loro di studiare nella lingua madre, praticare le proprie religioni e culture liberamente, il diritto alla libertà di aggregazione e di espressione. L’uso della tortura e della pena morte sono all’ordine del giorno e sono perpetrati ai danni dei kurdi al fine di annichilire gli individui e mantenere la popolazione in un clima di terrore.

L’ Iran è uno dei paesi in cui la pena di morte è maggiormente praticata. Secondo i dati raccolti dall’HRW (Human Right Watch), nel 2010 sono state impiccate 388 persone ma i dati ufficiali si discostano di molto dalla realtà e si teme che il numero delle persone condotte alla forca sia di gran lunga superiore.

Il regime islamico sta affermando che le sue offensive militari hanno come obbiettivo le basi controllate dal Free Life Party of Kurdistan (PJAK) nel Kurdistan iracheno. Comunque sia, è chiaro che ci siano forti motivazioni politiche dietro a questi recenti attacchi illegali e bombardamenti nei territori del Kurdistan da parte dell' IRGC.

Il regime islamico cerca di destabilizzare il Governo Regionale Kurdo, mirando alle basi del PJAK e le altre zone situate lungo i confini. Dopo la caduta di Saddam il regime iraniano si è dimostrato contrario all’autonomia raggiunta dai kurdi in Iraq e preme per un ritorno al passato, attraverso operazioni militari strategicamente mirate. Con le ultime azioni l’Iran vuole prendere il controllo delle zone controllate dai kurdi e cerca di inserirvi i gruppi fondamentalisti radicali islamici per destabilizzare ulteriormente l’area per poter aumentare il proprio potere nei territori Iracheni.

Noi, facciamo appello alla Istituzioni Internazionali, EU, UN, Organizzazioni internazionali per il diritti umani e ONG di prendere misure adeguate e necessarie per condannare tali brutalità. Chiediamo pertanto, che vengano immediatamente arrestate le operazioni militari illegali contro il popolo kurdo.

fonte: Uiki ONLUS

martedì 19 luglio 2011

Sindaco kurdo incarcerato rilasciato in Turchia

Ruken Yetisken, l'ex sindaca di Yüksekova, città a maggioranza kurda nella provincia di Hakkari, oggi ha lasciato la prigione dopo aver scontato 10 mesi di carcere.
Yetisken e' stata accusata dai magistrati di promuovere il Partito dei Lavoratori del Kurdistan , il PKK.
L'ex sindaca ha detto che pur essendo stata strappata dal suo mandato, continuerà il suo lavoro politico "dal punto in cui è stata fermata".

Van 18 Luglio (AKnews)

lunedì 11 luglio 2011

martedì 14 giugno 2011

Vittoria storica del Blocco “lavoro, democrazia e libertà”

Il Blocco “lavoro, democrazia e liberta” sostenuto dal principale partito kurdo BDP, raggiunge un traguardo di storica importanza ottenendo 36 seggi in Parlamento contro i 22 del 2007. Tra i candidati indipendenti vincitori figurano Leyla Zana, premio Sakharov e Hatip Dicle, attualmente in prigione, ma anche Ertugrul Kurkcu, leader del movimento studentesco del 1968.

Il partito di giustizia e sviluppo (AKP) del primo ministro Erdogan, al potere dal 2002, ha riportato il 49,93% dei voti contro il 46% del 2007, assicurandosi una terza legislatura consecutiva, ma ha perso dei seggi, 326 contro i 341 del 2007.

Il partito Repubblicano del popolo (CHP) è arrivato secondo con il 25,93 dei voti (135 seggi) contro il 20,88%, seguito dai nazionalisti del MHP (partito dell'azione nazionalista) con il 13,02 (54 seggi) contro il 14,27%. L’AKP ha riporta una grande sconfitta in molte città curde come Diyarbakir, Mardin, Sirnak, Agri, Van, Bitlis, Kars et à Siirt, mentre il BDP ha aumentato i suoi voti in tutte le città dove ha presentato candidati indipendenti, salvo a Dersim (Tunceli).

Secondo i risultati il Blocco ha vinto in 17 città:

Diyarbakir (6 sur 6), Hakkari (3 su 3), Sirnak (3 sur 3), Mardin (3 su3), Van (4 su 4), İstanbul (3 su 3), Batman (2 su 2), Mus (2 su 2), Urfa (2 su 2), Mersin (1), Siirt (1), Bitlis (1), Agri (1), Igdir (1), Bingol (1), Adana (1), Kars (1).

Il BDP si è ha dovuto presentare con dei candidati indipendenti per raggiungere la soglia elettorale del 10% sul piano nazionale, al fine di ottenere una rappresentanza Parlamentare.

Come per elezioni precedenti, il BDP formerà un gruppo al Parlamento, diventando una forza decisiva per la questione kurda. Frodi massicce e violazioni del diritto di voto sono state riscontrate in tutto il paese, specie nella regione curda. Molte delegazioni europee hanno seguito lo svolgimento dello scrutinio, e la presenza di forze dell'ordine nei seggi elettorali è stata denunciata dalle delegazioni curde e europee. Gli elettori sono stati obbligati a votare apertamente in presenza dei soldati in molti villaggi di Diyarbakir, Bitlis, Konya, Ardahan, Van, Urfa, Bingol e Dersim.

Il primo ministro turco nel corso della campagna elettorale, aveva tacciato il BDP di "terrorismo" e aveva difeso la pena di morte dichiarando "se fosse stato per noi, avremmo mandato Ocalan alla forca", commentando la pena di carcerazione a vita del leader kurdo Ocalan.L’AKP ha portato avanti una campagna il cui costo è inestimabile e non trasparente, con affissioni ovunque e spot su tutti gli schermi televisivi, un esercito mediatico quotidiano.

Nei i territori kurdi, la polizia ha seminato il terrore cercando di compromettere comizi e lo svolgimento della campagna elettorale dei candidati indipendenti sostenuti dal BDP. Sono state poste sotto fermo oltre 3.500 persone, di cui 1.000 arrestate. Ci sono state inoltre difficoltà economiche, il BDP è stato l’unico partito che ha NON beneficiato di fondi pubblici per la sua campagna elettorale nonostante formasse un gruppo in seno al parlamento turco. Prima che i candidati curdi entrassero in Parlamento era possibile ottenere i rimborsi anche con soli tre deputati eletti; oggi è possibile solo superando il 7% dei consensi a livello nazionale. Quindi i kurdi essendo stati eletti come indipendenti non facevano percentuale per il partito. In più ci sono processi contro moltissimi politici e attivisti kurdi e la gente viene costantemente intimidita e minacciata. Ma nonostante questa situazione c'è stata una forte reazione popolare che ha e garantito un ottimo risultato.

Inoltre, va ricordato che l’alto consiglio elettorale (YSK) aveva annullato il 18 aprile la candidatura di 7 candidati indipendenti presentati dal BDP, tra cui Leyla Zana, ma questa decisione aveva provocato la numerose reazioni di protesta kurda, ed era stata poi annullata per sei di loro.

Dopo questo traguardo, l’obbiettivo del BDP sarà quello di costruire, attraverso questa pluralità di voci e anime, una Turchia più democratica, meno centralizzata e che possa rispettare maggiormente le diversità al suo interno. Questo vittoria rappresenta un importante passo verso il riconoscimenti dei diritti del popolo kurdo in vista anche della riforma della carta Costituzionale, varata dopo il colpo di Stato del 1980.


UIKI Onlus

(Ufficio d'Informazione del Kurdistan in Italia)

venerdì 10 giugno 2011

Elezioni in Turchia: ultime notizie

Turchia/ Curdi a centro tensioni: Bloccata un'altra candidatura
Hatip Dicle condannato per terrorismo non è più eleggibile
postato da TMNews

Istanbul, 9 giu. (TMNews) - A soli quattro giorni dalle elezioni politiche in Turchia, la minoranza curda torna al centro delle polemiche e della tensione politica. Hatio Dicle, candidato a Diyarbakir come indipendente e attualmente detenuto in carcere, potrebbe dover dire addio al futuro di parlamentare e rimanere in prigione. I quotidiani Hurriyet e Milliyet riferiscono che la Corte di Appello ha confermato la condanna a 20 mesi di prigione per partecipazione ad attività terroristica. Dicle, che sarebbe uscito dal carcere in caso di assoluzione per concludere la sua campagna elettorale (sino ad ora condotta indirettamente dal penitenziario), ed eventualmente entrare in parlamento, adesso rimarrà dietro le sbarre.

I fatti risalgono all'ottobre 2007, quando in un'intervista a un'agenzia stampa locale Dicle aveva fatto dichiarazioni ritenute dalla magistratura attività di propaganda a favore del Pkk, il Partito dei lavoratori del
Kurdistan che da anni lotta per la creazione di uno stato indipendente curdo in territorio turco. Nel febbraio 2009 è stato condannato a 20 mesi di prigione. Ieri la Suprema corte di appello ha bocciato il ricorso e inviato una circolare all'Alta Commissione elettorale per bloccare la candidatura di Dicle a 4 giorni dal voto.

A fine aprile l'Alta Commissione Elettorale, con un mai chiarito cambio di regolamento, aveva bloccato la candidatura di 12 deputati indipendenti per 48 ore, fra cui proprio quella di Dicle. Successivamente Dicle e altri sei indipendenti erano stati riammessi nelle liste, dopo che nel sud-est del Paese, a maggioranza curda, era stato teatro di violente proteste da parte della popolazione.

sabato 4 giugno 2011

L'autonomia democratica è già realtà a Sirnak e Mardin

Migliaia di persone sono scese per le strade di Şırnak e Mardin e nei propri distretti mercoledì nel quadro di una nuova campagna lanciata per accelerare l'instaurazione dell'autonomia democratica. Il messaggio è stato chiaro: “Il popolo kurdo si autodeterminerà senza aspettare il permesso. Il popolo kurdo deciderà per se stesso”.  Il consiglio comunale di Batman ha deciso di promuovere la campagna per l'autonomia democratica lanciata in principio dai consigli comunali di Amed (Diyarbakir) e Mardin.

Il consiglio comunale ha annunciato la sua decisione nel corso di un incontro presso la Tenda per la Soluzione Democratica di Şırnak. Asiye Atılgan, del movimento di donne libere e democratiche (DÖKH), ha letto una dichiarazione “600 delegati della regione di Botan, inclusa Hakkari, Şırnak e Siirt, - si legge nella dichiarazione – hanno deciso di accelerare la campagna per instaurare l'autonomia democratica. Siamo convinti che questa sia la strada per raggiungere una pace giusta e duratura. Chiediamo al nostro popolo di darci il proprio sostegno” ha concluso la Atılgan.
Sei ulteriori incontri sono stati organizzati per annunciare la decisione e leggere la dichiarazione di intenti nei centri e nei distretti si Şırnak e Mardin come Cizre, İdil, Nusaybin, Uludere e Silopi. Molti membri di ONG, alcuni sindacati, istituzioni kurde e pariti, in particolare il partito della pace e della democrazia (BDP) hanno appoggiato gli incontri che sono stati seguiti da migliaia di residenti.
Il principio dell'autonomia democratica presuppone che ai governi locali sia concessa un'autonomia dal sistema centrale in materia di istruzione, sicurezza e relazioni esterne. Alcune significative sperimentazioni sono in corso da mesi in molte zone. Nei quartieri, paesi e villaggi dove vivono, i kurdi hanno dato vita alle loro assemblee per organizzarsi. Attraverso un gruppo di 50 villaggi, 21 consigli comunali, quattro consigli di distretto, le richieste di autonomia sociale, politica, economica e culturale sono state rese attuali.
Le “comunità di villaggio” sono state costituite per la prima volta a Diyarbakır. Una comunità di 50 villaggi nel distretto di Bağlar è stata fondata mentre continuano i lavori in altri villaggi di altri distretti. Nei villaggi che fanno parte di queste comunità si sono costituiti consigli composti da 11 o 13 membri, in relazione all'ampiezza della popolazione del villaggio. Ogni villaggio ha dei portavoce, di cui una è una donna. Questo modello è identico a quello delle co-presidenze all'interno del BDP.
A Diyarbakır, nove consigli sono stati istituiti nel distretto di Bağlar, cinque a Kayapınar, quattro a Sur oltre a tre consigli di quartiere, che rappresentano la più piccola unità amministrativa. I consigli di quartiere, composti in media da 20-30 membri, hanno l'obiettivo di avvicinare i residenti, farli discutere insieme su temi comuni che li riguardano e trovare soluzioni. Ciascun consiglio ha due portavoce, di cui uno è una donna. Esiste anche un consiglio disciplinare all'interno dei consigli di quartiere.
I problemi, le dispute e le discussioni che si verificano nei quartieri sono affrontati e risolti direttamente dalla “Commissione per la giustizia del quartiere” piuttosto che nelle unità ufficiali. Ad esempio, contro la droga, la prostituzione, i furti o atti di usurpazione un consiglio di quartiere interviene come parte del modello di autonomia democratica. Se la persuasione non è sufficiente, i responsabili di tali reati sono portati al giudizio del pubblico e allontanati dalla regione.
Il consiglio cittadino è l'organo più grande nella regione. Non è stato ancora istituito. Lo scopo è di avere 450 membri nel futuro consiglio. Il consiglio esecutivo si riunisce settimanalmente, mentre il consiglio generale una volta al mese. Il consiglio cittadino li include tutti e organizza una convention una volta l'anno.
Il BDP attualmente controlla una delle più grandi municipalità di Diyarbakır, oltre a sette giunte provinciali e giunte in 51 città e 40 distretti più piccoli.

lunedì 9 maggio 2011

Ventiquattro ore di "ordinario" terrore

Perquisizioni, fermi: 24 ore di terrore. Almeno 159 persone sono state arrestate a seguito di operazioni effettuate dalla polizia del governo AKP (partito per la Giustizia e lo Sviluppo) in 10 città del Kurdistan turco. Il numero dei detenuti ha raggiunto quota 1.500 nelle ultime tre settimane. Le operazioni nelle ultime 24 ore sono state effettuate ad Hakkari, Diyarbakir, Sirnak, Bingol, Mardin, Siirt, Adana, Istanbul, Igdir e Kars. Il terrore della polizia turca si è scatenato sul popolo curdo dal giorno della decisione di veto del Consiglio Supremo Elettorale il 18 aprile e la revoca della decisione il 21 aprile. Studenti, donne, giornalisti, parlamentari, sindaci, pacifisti, membri del partito kurdo BDP, sono tutti sottoposti alle violenze della polizia. Mentre almeno due civili sono stati uccisi, il numero dei detenuti nelle ultime tre settimane è stimato vicino a 1500, solo nelle ultime 24 ore è di almeno 159 arresti.

sabato 30 aprile 2011

Arresti di massa in Kurdistan

Oltre 800 persone sono state arrestate dal 19 aprile 2011, quando l'Alta Corte per le Elezioni (YSK) decise di ecludere 7 candidati indipendenti del BDP. Due persone hanno perso la vita e 880 sono state prese in custodia. Il 20 aprile lo studente Ibrahim Orucè stato colpito a morte dalla polizia durante le manifestazioni contro la decisione di veto del YSK. Il 27 aprile durante una manifestazione per la morte dello studente, un'uomo di 60 anni, Kazım Seker è morto per un attacco di cuore a causa dei lacrimogeni sparati dalla polizia. 308 persone sono state ferite. Di questi, 299 sono manifestanti e 9 di loro sono membri delle forze di sicurezza. Otto persone sono state ferite da proiettili sparati dalla polizia e gendarmeria, quattro bambini sono stati feriti da proiettili di plastica, 251 persone sono state attaccate dalla polizia con manganelli, pugni e calci di fucile.
Le forze di sicurezza hanno attaccato per 28 volte le tende per la soluzione democratica.
Fonte IHD İnsan Hakları Derneği (Associazione per i diritti umani)

mercoledì 27 aprile 2011

Un esercito di parabole

Roj tv è la voce del popolo curdo, una nazione divisa in terra ma riunita via etere. Gli studi di Roj tv sono in Belgio e la sua licenza di trasmissione è danese. Roj tv è accusata dalla Turchia di essere portavoce del PKK e rischia di perdere la licenza di trasmettere. Attraverso la vita quotidiana di 3 donne, vedremo come alla salvaguardia dell'identità kurda si affianchi lo sforzo di rinnovare questa stessa identità dall'interno. In un mondo in cui avere una propria voce è spesso l'unico modo di affermare la propria esistenza, a chi spetta il diritto di decidere chi può parlare e chi no?
"Un esercito di parabole" ci porterà dentro agli studi di Roj tv, alla ricerca della differenza fra libertà d'espressione e propaganda.

25 aprile in Kurdistan

... testo in francese...

Lundi 25 avril au matin, les forces de sécurité turques ont procédé à 35 nouvelles arrestations et mises en garde à vue : il s’agit essentiellement des membres du BDP, notamment son président local ainsi que les présidents de section, mais également d’élus locaux (dont deux adjoints au maire).
Ces arrestations interviennent dans un contexte extrêmement tendu, les tentes pour la Paix et la Démocratie étant attaquées quotidiennement pour la police. Hakkari [1] détient désormais un triste record : 500 personnes incarcérées pour motifs politiques dans le cadre de l’opération qui vise à affaiblir le BDP ainsi que les mouvements de la société civile qui le soutiennent depuis maintenant deux ans.

Immédiatement après cette rafle, la population a organisé une manifestation monstre (20 000 participants pour une population de 58 000 personnes) avec la volonté de se diriger vers la frontière. Empruntant l’unique route qui mène de la ville à la vallée, la population a été arrêtée au point de contrôle fortifié du Zap, 8 kilomètres plus bas, et a dû rebrousser chemin.

Aujourd’hui 26 avril, tous les commerces étaient fermés en signe de protestation. Ceux de Sirnak, Yüksekova, Cukurca, Semdinli l’étaient aussi par solidarité, ces villes étant également très durement touchées par les opérations d’intimidation et de répression.

Vers 14h, des groupes de jeunes et d’enfants ont dressé des barricades, notamment sur l’unique grand’route de la ville, et ont affronté les forces anti-émeutes jusqu’à ce que les blindés légers et auto-mitrailleuses de la police reprennent partiellement et temporairement le contrôle de la rue.

L’on doit noter le soutien exprimé par la population à ses enfants... tellement excédée par l’ampleur de l’acharnement du pouvoir contre la ville : depuis 10 jours Hakkari est en révolte quotidienne. Dans toutes les rues gisent des débris des affrontements, en particulier des grenades lacrymogènes : la quantité de ces armes qui a été employée est telle que l’air est saturé de gaz en permanence, y compris dans la ville haute alors que les affrontements se concentrent plutôt dans les quartiers bas.

Malgré la violence d’Etat, la pénurie, l’encerclement (plusieurs milliers de soldats, gendarmes, policiers et paramilitaires occupent 8 casernes tout autour de la ville), l’enfermement (une seule route sévèrement contrôlée), Hakkari continue et continuera à résister.

[1] Hakkari (en kurde : Colemêrg ) est la ville préfecture de la région frontalière avec l’Iran et l’Irak : elle est située à 1800 m d’altitude et entourée de sommets qui culminent jusqu’à près de 4.000 mètres.

venerdì 15 aprile 2011

Restiamo umani


E’ difficile restare umani in questo momento, con la morte nel cuore, ma bisogna riuscirci, sempre, o anche il tuo sacrificio sarà stato vano. Riposa in pace,Vik !!

CIAO VITTORIO ! NOI RESTIAMO UMANI

Vittorio aveva uno speciale feeling con Genova, con le associazioni genovesi che fortemente impegnate a favore del popolo palestinese, che sostengono i gruppi e i movimenti che lavorano per costruire incontri di pace fra palestinesi ed israeliani.
Quante volte l’ho visto ed ascoltato su You Tube: quel volto sempre sereno!
Al tempo della guerra scatenata dal governo d’Israele detta “Piombo fuso “ ho visitato spesso il suo blog per avere informazioni dirette e condividere emozioni, sentimenti e passioni; un blog accattivante e sempre aperto alla speranza.
In quei giorni , Vittorio, assieme ai palestinesi ha subito i terroristici bombardamenti su Gaza ( dall’uranio impoverito ad altre armi letali, vietate dalle convenzioni internazionali) durante l’aggressione israeliana “ piombo fuso : 27.12.2008/18.1.2009 “ costata la vita a 1400 palestinesi, con migliaia di persone invalide e con malattie croniche.
Durante l’avventura della Freedom Flottiglia eravamo riusciti più volte a metterci in contatto diretto con lui mentre si sviluppava una tre giorni sulla realtà palestinese e le lotte nonviolente da sviluppare, compreso il boicottaggio nei confronti dei prodotti israeliani; un’iniziativa tesa a smuovere le coscienze di un po’ di gente.
Genova, per Vittorio, era anche la Genova del G8, era Carlo Giuliani, l’affetto per i genitori di Carlo, la vicinanza con il Comitato Piazza Carlo Giuliani; questa vicinanza mi ha offerto la felice occasione di conoscerlo da vicino.
Il pomeriggio di venerdì 20 novembre 2009 è stato con noi in Piazza Alimonda ( anzi Piazza Carlo Giuliani ) per fare memoria di Carlo, dei molti Carli che, in tante parti del mondo, vengono assassinati a causa della giustizia.
Il giorno successivo ,nella sede del Comitato, Vittorio ci ha proiettato alcune delle riprese fatte da lui sulla vita dei palestinesi a Gaza, sulle brutalità commesse dai soldati israeliani nei confronti di donne, bambini, bambine , persone anziane.
Sappiamo che le sue cronache passate sui media occidentali , hanno fatto conoscere al mondo l’orrore e il cinismo della guerra israeliana , poi condannata dall’ONU con il “rapporto Goldstone” .
Mi colpiva la sua vibrante narrazione di tanti fatti drammatici, quella sua capacità di trasmettere il calore del fuoco, delle bombe, degli assassini ma anche il calore della solidarietà, dei sentimenti di amicizia. Le sue parole, il suo tono, le modulazioni della sua voce non trasmettevano mai odio, vendetta , disprezzo, ma l’energia positiva che ti spinge ad osare oltre il cerchio della violenza.
Chiunque sia stato a volere l’assassinio di Vittorio, volontario dell’ISM scomodo a coloro che in quelle terre lavorano per impedire una possibile convivenza fra israeliani e palestinesi, non l’ avrà vinto; la forza della solidarietà sopravanza la disumanità di coloro che ammazzano i corpi ma non possono ammazzare le idee, quelle idee di Vittorio così cariche di un futuro migliore, nonostante tutto.
Grazie, Vittorio, grazie per la giovinezza che ci hai donato.           Peppino Coscione

Gaza: intervista a Vittorio Arrigoni

domenica 10 aprile 2011

Candidati kurdi al Parlamento turco

Il BDP ha annunciato i 61 candidati che sosterra'.
Il Partito della Pace e della Democrazia (BDP, ha annunciato in una conferenza stampa a Diyarbakir i nomi dei 61 candidati indipendenti che sosterra' nel contesto delle elezioni generali del 12 Giugno.
Lo slogan scelto dal partito e'"Lavoro, Democrazia Liberta'". I nomi dei candidati sono stati annunciati al Centro Culturale Cegerxwin.Tra i nomi del BDP il co-presidente Selahattin Demirtaş ad Hakkari, il co-presidente del DTK Ahmet Türk a Mardin, la co-presidente Aysel DTK Tuğluk a Van, l'ex parlamentare Leyla Zana, a Diyarbakir ed il regista Sirri Süreyya Önder a İstanbul. La BDP co-presidente Gultan Kisanak a Siirt. L'ingresso del nuovo candidato il giornalista e scrittore Ertuğru lKürkçü a Mersin. Ferhat Tunc famoso
cantante nella sua nativa Dersim.
Questa e' la lista completa dei candidati:
Adana: Murat Bozlak
Adıyaman: Veli Büyükşahin
Aydın: Mehmet Bayraktar
Ağrı: Murat Öztürk, Halil Aksoy
Ankara 2. Bölge: Sadrettin Güvener
Ankara 1. Bölge: Cercis Utaş
Antep: Akın Birdal
Ardahan: Yüksel Avşar
Antalya: İhsan Nergiz
Batman: Bengi Yıldız, Ayla Akat Ata
Balıkesir: Turan Cengiz
Bursa: Mehmet Deniz Büyük
Bingöl: İdris Bağluken
Bitlis: Hüsamettin Zenderlioğlu
Denizli: Kemal Beler
Diyarbakır: Leyla Zana, Mehmet Hatip Dicle, Emine Ayna, Nursel Aydoğan,
Altan Tan, Şerafettin Elçi
Elazığ: İsa Gürbüz
Erzurum: Sabahattin Yılmaz
Hakkari: Selahattin Demirtaş, Adil Kurt, Esat Canan
Iğdır: Pervin Buldan
İstanbul: Levent Tüzel, Sırrı Süreyya Önder, Sebahat Tuncel, Mustafa Avcı
İzmir 2. Bölge: Erdal Avcı
İzmir 1. Bölge: Mehmet Tanhan
Kars: Mülkiye Birtane
Kırşehir: Faik Karadaş
Kocaeli: Emrullah Bingöl
Konya: Hacı Mehmet Bozdağ
Mersin: Ertuğrul Kürkçü
Malatya: Gani Şavata
Manisa: Nizamettin Öztürk
Maraş: Mustafa Mamaklı
Mardin: Ahmet Türk, Gülser Yıldırım, Erol Dora
Muğla: Şehbal Şenyurt
Muş: Sırrı Sakık, Demir Çelik
Siirt: Gültan Kışanak
Osmaniye: Kamuran Bablak
Şırnak: Hasip Kaplan, Selma Irmak, Faysal Sarıyıldız
Dersim: Ferhat Tunç Yoslun
Urfa: İbrahim Binici, İbrahim Ayhan
Van: Kemal Aktaş, Özdal Üçer, Nazmi Gür, Aysel Tuğluk.
I Partiti e le organizzazioni che sostengono i candidati della coalizione "Lavoro, Democrazia Liberta'" sono i seguenti: BDP, EMEP, KADEP, EDP, SDP, Yeşiller Partisi, EHP, DİP, DSİP, İKP, İSP, Demokrasi ve Özgürlük Hareketi, İşçi Cephesi, KÖZ, Sosyalist Birlik Hareketi, Sosyalist Gelecek Parti Hareketi, Sosyalist Dayanışma Platformu, Toplumsal Özgürlük Platformu, Türkiye Gerçeği.